IL BLOG

13
ago

keep the visual change moving

Sara Seravalle, architetto e dottore in politiche pubbliche del territorio formalmente, Visual Artist e facilitatrice di processi di cocreazione quotidianamente

La frase che sento mia oggi é “keep the visual change moving!”

Per molti anni mi sono occupata di processi inclusivi e progettazione partecipata, che mi hanno portata a seguire il flusso della cocreazione e del codesign di soluzioni, poi mi sono scontrata con il mondo dei visuals: sketchnoting, graphic recording, jam session di problem solving o codesign, visual coaching ma soprattutto visual storytelling, illustrazione strategica e facilitazione visuale, che mi hanno travolta e stregata e pervadendo tutte le cose che da allora faccio nelle aziende o sul territorio, in Italia e all’estero.

Mi appassionano le persone che hanno voglia di trasformarsi e agire un cambiamento; mi piace gestire creativamente i conflitti e generarli se è utile.

Ho insegnato all’Università Statale di Milano e al Politecnico di Milano progettazione partecipata e processi inclusivi e ora formo le persone nelle aziende o fuori da esse sul cambiamento e la visualizzazione.

Con Monica Diari ho dato vita al progetto Sketchapensieri per diffondere la facilitazione visuale e da lì ho scoperto un mondo di nuove prospettive professionali e personali e sono e tratta in un network internazionale che mi sta facendo crescere professionalmente e trovare nuove strade, come questa con Formeconnesse!

Amo i viaggi, il mare e i miei due figli perché sanno stupirmi e portarmi a crescere e conoscere e sono decisamente curiosa.

Sono convinta che abbiamo tutti bisogno di visualizzare per capire e di capire per agire in modo efficiente e coerente.

06
ago
01
ago

Un gatto, curioso, silenzioso e sempre in movimento

Monica Diari, architetto sulla carta, visualizer e graphic recorder nella realtà.

Tre figli. Sempre in bicicletta. Molte matite e fogli sparsi ovunque.

Un pregio e un difetto: ho una vita sempre in movimento… e non ho ancora capito se sia un pregio o un difetto. Data questa premessa sono necessariamente molto concreta nel mio lavoro e cerco di arrivare subito al dunque evitando perditempi.

Una passione. La montagna e la sua aria pura, le stagioni, viaggiare per il mondo mescolandomi coi colori che incontro. Taglio e cucio creando vestiti: si tratta di capi unici dove si mescolano stile e fantasia. Nonostante non abbia una figlia femmina.

In principio… Al liceo ho conosciuto l’arte fatta sporcandomi le mani, con la fantasia, la spensieratezza e l’entusiasmo. All’università ho affrontato progetti ragionando con numeri, geometrie e senso pratico. Lavorando come graphic recorder non ho ancora smesso di studiare e naturalmente faccio uso a mani basse dell’informatica senza peraltro farne una malattia dato che il primo amore non si scorda mai. L’entusiasmo c’è sempre.Continue Reading..

25
lug

Il disegno che anima la fantasia

Cecilia Di Giulio, motion designer e illustratrice

Se mi chiedono di presentarmi… preferisco farlo a modo mio

Ho studiato Digital Animation presso la Fondazione Scuole Civiche di Milano. Terminati gli studi un anno fa, al momento mi occupo principalmente di storyboard, sia per il cinema che per la televisione, e di realizzare infografiche e contenuti animati sia  2D che 3D per spot pubblicitari. In passato ho avuto l’opportunità di realizzare due cortometraggi e sigle d’apertura per programmi tv e festival.

La mia vera passione però è il disegno e la pittura in tutte le sue forme. Nonostante mi ritenga molto fortunata a poter conciliare quest’amore con il lavoro che faccio, in futuro vorrei che questa passione guadagnasse più spazio nella mia professione, potendo lavorare come illustratrice o come character designer o scenografa per il cinema e la tv.

Sono paziente, tenace e terribilmente curiosa, talmente tanto da voler fare tutto e niente, alla continua ricerca di un ordine in una vita disorganizzata e piena di cose!

Faccio parte di formeconnesse perché nulla arricchisce di più che lo scambio di capacità e il lavoro in team. Sono fermamente convinta che dalla connessione di due o più teste anche provenienti da universi all’apparenza incongruenti, possa scaturire qualcosa di bello e inaspettato.

22
lug

Grafica colla Cow

Laura Caleca, graphic design e art direction all’occorrenza

Un pregio e un difetto. Appena termino un lavoro lo rifarei in modo tutto diverso. Mi piace vedere le cose da più punti di vista, individuo una strada ma durante il percorso mi accade spesso di cambiare rotta per raggiungere l’obiettivo esplorando attraverso la ricerca.

Per me la creatività è anche gioco. L’aspetto ludico e umoristico mi attrae. I lavori in cui mi diverto spesso son quelli che riescono meglio.

Una passione. Amo il cinema d’animazione, soprattuto quello sperimentale, di stop-motion e i cortometraggi dove l’azione sostituisce il dialogo.
In genere la prima idea che mi viene in mente è in movimento, è lo svolgimento di una breve scena, devo poi far opera di estrema sintesi per trasformarla in un concetto fermo.Continue Reading..

22
lug

Compra una vocale!

MI dico sempre: “Le parole sono importanti!” (cit. Nanni Moretti in “Palombella Rossa”)

Da grande volevo fare…  la giornalista, la reporter, l’inviata speciale… poi però, tornata sulla terra ferma e dopo la laurea in lettere moderne ho perfezionato i miei studi umanistici a Roma per poi finire a Milano, la città della moda. “A Milano? Ma Milano è grande, è grigia, è caotica!  Tu che sei abituata a fare colazione guardando il mare come ti troverai?” Beh, sfatando subito un (falso) mito, devo ammettere con soddisfazione che l’impatto con l’uggiosa metropoli è stato ben presto superato a suon di aperitivi, mostre e concerti (e relativi panini con la salamella).
A Milano ho lavorato come redattrice in una rivista di arte e collaborato con agenzie di comunicazione in qualità di copywriter e addetta ai contenuti.

Poi però… Pur essendo una ferma sostenitrice di penna e calamaio e del buon odore della carta stampata, mi sono lasciata conquistare dal web e dalla comunicazione online. Eccomi dunque attualmente alle prese con la gestione dei social network e attività di web content. Ma, dato che il primo amore non si scorda mai, continuo anche a fare la copy e la redattrice per campagne di comunicazione e pubblicità per agenzie e studi grafici stressando colleghi e collaboratori a suon di virgole, refusi, apostrofi e a capo forzati.
Continue Reading..