THE BLOG

13
ago

Sketchapensieri

Non é una societá ma é un progetto. Siamo Sara e Monica, ma all’occorrenza anche Samantha, Neva e Letizia.

Sketchapensieri ha un nome divertente che ha inventato Laura Caleca e qui potete vedere un video che abbiamo realizzato grazie ad alcuni componenti di Formeconnesse e di cui andiamo molto fiere, perché parla di ciò di cui ci occupiamo: la facilitazione visuale

La facilitazione visuale è uno strumento di lavoro che permette di progettare o sviluppare un’idea in gruppo o da soli con maggiore chiarezza ed efficacia, in quanto utilizza il potenziale della parte destra del cervello che fissa le immagini e le connessioni tra esse. Lavorando attraverso i disegni, che sono tangibili, visibili da tutti, è possibile riprendere concetti e rielaborarli sulla stessa mappa, avendo davanti l’intero sviluppo della riunione.Continue Reading..

13
ago

keep the visual change moving

Sara Seravalle, architetto e dottore in politiche pubbliche del territorio formalmente, Visual Artist e facilitatrice di processi di cocreazione quotidianamente

La frase che sento mia oggi é “keep the visual change moving!”

Per molti anni mi sono occupata di processi inclusivi e progettazione partecipata, che mi hanno portata a seguire il flusso della cocreazione e del codesign di soluzioni, poi mi sono scontrata con il mondo dei visuals: sketchnoting, graphic recording, jam session di problem solving o codesign, visual coaching ma soprattutto visual storytelling, illustrazione strategica e facilitazione visuale, che mi hanno travolta e stregata e pervadendo tutte le cose che da allora faccio nelle aziende o sul territorio, in Italia e all’estero.

Mi appassionano le persone che hanno voglia di trasformarsi e agire un cambiamento; mi piace gestire creativamente i conflitti e generarli se è utile.

Ho insegnato all’Università Statale di Milano e al Politecnico di Milano progettazione partecipata e processi inclusivi e ora formo le persone nelle aziende o fuori da esse sul cambiamento e la visualizzazione.

Con Monica Diari ho dato vita al progetto Sketchapensieri per diffondere la facilitazione visuale e da lì ho scoperto un mondo di nuove prospettive professionali e personali e sono e tratta in un network internazionale che mi sta facendo crescere professionalmente e trovare nuove strade, come questa con Formeconnesse!

Amo i viaggi, il mare e i miei due figli perché sanno stupirmi e portarmi a crescere e conoscere e sono decisamente curiosa.

Sono convinta che abbiamo tutti bisogno di visualizzare per capire e di capire per agire in modo efficiente e coerente.

06
ago
01
ago

Un gatto, curioso, silenzioso e sempre in movimento

Monica Diari, architetto sulla carta, visualizer e graphic recorder nella realtà.

Tre figli. Sempre in bicicletta. Molte matite e fogli sparsi ovunque.

Un pregio e un difetto: ho una vita sempre in movimento… e non ho ancora capito se sia un pregio o un difetto. Data questa premessa sono necessariamente molto concreta nel mio lavoro e cerco di arrivare subito al dunque evitando perditempi.

Una passione. La montagna e la sua aria pura, le stagioni, viaggiare per il mondo mescolandomi coi colori che incontro. Taglio e cucio creando vestiti: si tratta di capi unici dove si mescolano stile e fantasia. Nonostante non abbia una figlia femmina.

In principio… Al liceo ho conosciuto l’arte fatta sporcandomi le mani, con la fantasia, la spensieratezza e l’entusiasmo. All’università ho affrontato progetti ragionando con numeri, geometrie e senso pratico. Lavorando come graphic recorder non ho ancora smesso di studiare e naturalmente faccio uso a mani basse dell’informatica senza peraltro farne una malattia dato che il primo amore non si scorda mai. L’entusiasmo c’è sempre.Continue Reading..